02/69.365.215

Internal Audit - Revisione interna

L’Internal Audit, conosciuta anche come attività di Revisione Interna, nelle banche deve essere svolta da una funzione indipendente volta da un lato a controllare, anche con verifiche in loco, la regolarità dell’operatività e l’andamento dei rischi, dall’altro a valutare la funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni e a portare all’attenzione del consiglio di amministrazione e dell’alta direzione i possibili miglioramenti alle politiche di gestione dei rischi, agli strumenti di misurazione e alle procedure.

Obiettivi dell’Internal Audit

Verificare il rispetto dei limiti previsti dai meccanismi di delega nonché del pieno e corretto utilizzo delle informazioni disponibili nelle diverse attività
Controllare l’affidabilità dei sistemi informativi, inclusi i sistemi di elaborazione automatica dei dati, e dei sistemi di rilevazione contabile
Effettuare test periodici sul funzionamento delle procedure operative e di controllo interno
Espletare compiti d’accertamento anche con riguardo a specifiche irregolarità, ove richiesto dal consiglio di amministrazione, dall’alta direzione o dal collegio sindacale
Verificare la rimozione delle anomalie riscontrate nell’operatività e nel funzionamento dei controlli.

Aree di intervento

Amministrazione

Antiriciclaggio

Corporate governance

Sistemi Informativi

Grazie ad un’accurata e metodica analisi del Sistema dei Controlli Interni è possibile condurre assessment mirati:

  • all’argomento (ad es. Governo societario, Credito, Politiche di esternalizzazione, Sistema Informativo, AML, Sistemi di remunerazione, ecc.)
  • alla funzione (ad es. Internal Auditing, Risk Management, Compliance, ecc.);

Prevede una valutazione basata sulla presenza/assenza di determinati requisiti e di un sistema di pesi che misura la significatività di tali requisiti.

Fornisce  una reportistica di sintesi, rivolta sostanzialmente ai vertici aziendali, che consente di percepire agevolmente e rapidamente eventuali aree di miglioramento e una reportistica di dettaglio, rivolta soprattutto ai responsabili delle funzioni interessate, che individua gli specifici punti di debolezza che hanno determinato la valutazione sintetica.

Più di 600 requisiti, consultabili per Aree e/o Funzioni oltre l’indicazione della presenza/assenza del requisito